Antonio Calafati |

ss | inizio

 

a

 

Berlino 2008aaaagnnnggaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

TEMI DI RICERCA

 

Il sistema urbano italiano

Il sistema urbano italiano è uno dei miei temi di ricerca principali. Sono tre le linee di ricerca che ho seguito. In primo luogo, la ridefinizione delle unità di analisi e regolazione, per corroborare l'ipotesi che i confini amministrativi sono in gran parte dei casi una "istituzione cerimoniale".

La seconda linea di ricerca ha come oggetto le traiettorie di crescita e sviluppo di lungo periodo dei sistemi urbani italiani, con lo scopo di evidenziare la lorog diversità e le implicazioni per lo sviluppo regionale e nazionale.

La terza linea di ricerca ha come oggetto la relazione tra dis-equilibri, potenziale di crescita/sviluppo e regolazione delle città italiane, per evidenziare l'importanza del ruolo dello Stato rispetto all'obiettivo della coesione territoriale e i limiti del paradigma della "competizione territoriale".

 

 

Città nel tempo

Con motivazioni diverse (ricerca, ricerca-azione, reportage) ho dedicato parte del mio tempo alla riflessione su singole città. In alcuni casi ho proposto ipotesi interpretative preliminari e appena accennate, in altri ho condotto studi più approfonditi.

Tra le città (euoropee) cui ho dedicato attenzione vi sono: Torino, Milano, Napoli, L'Aquila, Salisburgo, Freiburg, Wimar, Jena ...

Lo sviluppo economico delle città (europee)

Una delle linee di ricerca che ho seguito negli ultimi anni ha come oggetto i fattori che contribuisconon a spiegare le prestazioni di lungo periodo delle città. In particolare, ho riflettuto sul concetto di potenziale di sviluppo (e crescita) delle città, sulla capacità di farne un uso coerente con la funzione di preferenza sociale locale e nazionale.

.

 

 

Architetture della sussistenza. Architetture dell'innovazione

Gli effetti sulle architetture della città europea – sul loro uso, ri-uso e manutenzione – dei cambiamenti della morfologia sociale (ed economica) della città – e quindi anche sui cambiamenti delle meta-preferenze, delle pratiche, dei redditi, delle strategie di vita – sono un tema sul quale sto ora lavorando. Mi interessano, in particolare, due estremi delle dinamiche urbane che si manifestano nelle città europee e che influenzano profondamente la città fisica: il ritorno del "salario di sussistenza" come condizione permanente di una parte della popolazione urbana; l'innovazione a basso investimento e alto rischio del capitalismo contemporaneo.